Home / News / Dal Pnrr quasi 2 milioni di euro per aiutare indigenti e senzatetto di Udine

Dal Pnrr quasi 2 milioni di euro per aiutare indigenti e senzatetto di Udine

Due gli stabili individuati per ospitare chi non è in condizioni di fronteggiare la spesa per un mutuo o un affitto: l’ex Cism e l’ex sede dei Vigili del Fuoco

Aiutare le persone senza dimora ad accedere a un alloggio temporaneo, in appartamento o in una casa di accoglienza, offrendo servizi finalizzati a promuovere l’autonomia dell’individuo e ad accompagnarlo verso un percorso di integrazione sociale.

Questo è l’obiettivo dei fondi messi a disposizione dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, da cui il Comune di Udine ha attinto un finanziamento di quasi due milioni di euro. Due gli stabili individuati dal Comune per ospitare persone indigenti o, comunque, non nelle condizioni di fronteggiare la spesa di un mutuo o un affitto: l’ex Cism di via Urbanis e l’ex sede dei Vigili del Fuoco di via Cussignacco.

Per la riqualificazione dell’ex Cism, verranno utilizzati 710mila euro, mentre un milione e 100mila euro saranno destinati al fabbricato di via Cussignacco.

Spiega Laudicina: “Si tratta di un intervento effettuato in collaborazione con l’ambito territoriale del Friuli Centrale, visto che si tratta di una sfida di sistema. Ringrazio il collega Giovanni Barillari, con il quale abbiamo portato avanti questo progetto. Stiamo faticosamente uscendo dall’emergenza sanitaria, ma ci sono altre urgenze che devono essere comprese e risolte. La pandemia ha amplificato difficoltà già presenti e ci sono componenti del tessuto sociale in grande sofferenza. A noi preme, con questa decisione, dare un aiuto alle persone che si trovano in una condizione di debolezza estrema o di marginalità”. 

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori