Home / News / Pochi volontari della Protezione civile per il Giro d'Italia, si ricorre agli alpini

Pochi volontari della Protezione civile per il Giro d'Italia, si ricorre agli alpini

Grossi problemi in termini di adesioni per il servizio di assistenza stradale

In vista del Giro d'Italia che toccherà buona parte del nostro territorio regionale ci sono grossi problemi in termini di adesioni per il servizio di assistenza che da sempre vede in prima linea i volontari della protezione civile. Alla base dei disguidi l'interpretazione secondo cui presidiare le strade per il passaggio di una corsa ciclistica non rientrerebbe nei servizi d'emergenza. I sindaci coinvolti dalle tappe rosa sono così dovuti ricorrere ai volontari dell'Ana. Ma anche qui c'è un problema: ad esempio a Cividale, come riferito dal consigliere delegato, dopo i fatti di Rimini, c'è paura ad indossare il cappello alpino.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori