Portale per la sanificazione delle persone inventato e realizzato da un’azienda friulana

L'arco nebulizzatore si chiama Cosmodaga. Spruzza una sostanza assolutamente atossica. Un macchinario è stato donato al Comune di Pordenone
Redazione
loading...

E’ un macchinario che in pochi secondi sanifica le persone dalla testa ai piedi. E’ stato installato all’esterno dell’anagrafe comunale, in piazzetta Calderari. Il “Cosmodaga”, questo il nome della speciale porta, spruzza un liquido nebulizzato, igienizzante, naturale e atossico

L’ha ideata e realizzata in tempi record Giuseppe Pilan – titolare dell’azienda Cosmo Tecnology di Brugnera – donandola al Comune nell’ambito dell’emergenza covid-19. «Abbiamo ottenuto nel giro di pochi giorni la certificazione Ce – ha spiegato – sia per la macchina sia per il liquido nebulizzante. Il prodotto è registrato al Ministero della salute. Il funzionamento è semplicissimo: basta passare sotto l’arco (simile per aspetto al metal detector degli aeroporti, ndr) e gli ugelli nebulizzano automaticamente il sanificante. La sostanza è assolutamente atossica, tanto da poter essere spruzzata in bocca».

Il dono al Comune si è reso possibile grazie anche a Carlo Nappo, chef dei ristoranti La Catina e Il Podere dell’Angelo. «Ho sposato subito l’iniziativa dell’amico Pilan – ha commentato Nappo – con cui ho concordato l’idea di regalare alla città questo macchinario. Peraltro lo troverete anche nei nostri ristoranti, dove useremo questo sanificante anche per i locali interni, le posate e altri materiali».

«Ringrazio di cuore la Cosmo tecnology – ha detto il sindaco Alessandro Ciriani – poiché ci dona un presidio fondamentale, specie in un momento in cui l’igienizzazione è diventata così importante, che preserva tanto il cittadino quanto i dipendenti di un servizio frequentatissimo come l’anagrafe. Durante l’emergenza c’è stata una vera e propria gara di solidarietà che ha visto in prima file le aziende locali. E’ il segno di un territorio che non solo ha reagito con grande diligenza a norme sempre più restrittive, ma che dimostra anche un grande cuore e un grande senso di solidarietà» ha concluso il sindaco.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia