Post offensivo su Greta Thunberg, il caso Tricarico finisce in consiglio comunale

si è diviso nell'ultima riunione sull'ordine del giorno che ne chiedeva le dimissioni. L'uscita compatta della Lega dal consiglio ha scatenato ulteriori polemiche.
Ivan Bianchi
loading...

Tra gli Ordini del Giorno del Consiglio comunale di Turriaco, riunitosi lunedì sera, il decimo punto ha riguardato il cosiddetto ‘Caso Tricarico’, ovvero il post del consigliere comunale in quota Lega che qualche giorno fa derideva, in modo alquanto pesante, la giovane attivista per l’ambiente, Greta Thumberg. Post che aveva creato sdegno in tutto il mondo politico sia regionale che nazionale. Nel punto, oltre a richiedere le dimissioni del consigliere, poi non avvenute, sono state inserite anche alcune norme contro l’utilizzo improprio dei social e “la responsabilità di un amministratore locale”. Secondo il Consiglio Comunale “gli Amministratori locali dovrebbero parlare e far parlare di Turriaco per le discussioni e le realizzazioni su temi di interesse locale e/o generale, dalle questioni ambientali a quelle di genere, dalla mobilità sostenibile alle opere pubbliche e via dicendo, confrontandosi civilmente sugli argomenti affrontati secondo scienza e coscienza”. L’assise ha votato all’unanimità l’ordine del giorno con sei voti a favore, ovvero dei consiglieri presenti. I consiglieri della Lega, invece, sono usciti dall’aula per la durata del consiglio. “Tutti i punti all’ordine del giorno, anche quelli squisitamente amministrativi, sono stati poi votati con i soli consiglieri di maggioranza presenti, a dimostrazione dell’interesse dei consiglieri della Lega per le questioni amministrative”, ha commentato a margine il sindaco, Enrico Bullian. A replicare è il capogruppo Lega in consiglio comunale, Antonio Romano. “Il punto riguardante Tricarico è stato spostato dal decimo posto al primo con una sorta di colpo di mano, senza preavviso”. L’uscita della Lega dal consiglio è stata dettata anche “dal fatto che il punto è iniziato con una sorta di accusa dalla maggioranza: sono stati portati ad esempio anche commenti miei e di alcuni consiglieri scritti alcuni mesi fa. Ci siamo alzati e ce ne siamo andati, anche perché vengono usati due pesi e due misure”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia