Home / News / Respingimenti illegittimi, l'intervista all'avvocato che ha sconfitto il Viminale

Respingimenti illegittimi, l'intervista all'avvocato che ha sconfitto il Viminale

Una sentenza storica secondo le associazioni che si occupano di accoglienza. Il tribunale di Roma ha definito illegittimo il respingimento in Slovenia di un migrante

La riammissione in Slovenia di un migrante arrivato in Italia dal Pakistan tramite la rotta balcanica non era legale. Lo deciso il tribunale di Roma dopo il ricorso presentato dagli avvocati Caterina Bove e Anna Brambilla, socie Asgi, per conto dell’uomo che era arrivato a Trieste nell’estate del 2020. Si tratta di una sentenza che, spiegano i legali, crea di fatto un precedente e condanna il ministero dell’Interno che ha deciso di non costituirsi nel processo. 
Nel dettaglio la sentenza contesta alcuni passaggi nelle riammissioni, in particolare il fatto che l’accordo tra stati non sia mai stato ratificato dal Parlamento, la mancanza del rispetto dalla tutela delle persone in quanto è ormai certificato come vi siano trattamenti inumani e degradanti in particolare in Croazia, e poi la violazione del diritto di difesa in quanto a nessun migrante riaccompagnato in Slovenia, circa 1.240 solo nel 2020, sia stato rilasciato un provvedimento scritto. 
Non tutti i respinti potranno però presentare ricorso in quanto servono i propri documenti personale che le polizie di Slovenia e Croazia spesso distruggono.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori