Sanità: tutto pronto per affrontare il piano ferie all’Ospedale di Udine

Accorpamenti di degenze, rimodulazioni e riduzioni di attività, che però escludono le prestazioni che sono considerate priorità: è come si presenta l’organizzazione d...
Redazione

Accorpamenti di degenze, rimodulazioni e riduzioni di attività, che però escludono le prestazioni che sono considerate priorità: è come si presenta l’organizzazione del servizio sanitario udinese per il periodo estivo. Il problema è lo stesso che si ripresenta da alcuni anni a questa parte per garantire il servizio ai cittadini e la possibilità di far andare in ferie il personale. A tal proposito l’azienda sanitaria integrata di Udine ha predisposto un programma specifico di interventi per garantire le attività di emergenza e urgenza in tutte le discipline, mantenere le attività di elezione per evadere entro tempi compatibili le richieste di prestazioni e assicurare la presenza. Da qui le riduzioni di posti letto per periodi variabili, con l’indicazione di riattivarli in caso di emergenza. Solo in alcuni casi vengono sospese o ridotte le attività per prestazioni che possono essere programmate e nella maggior parte dei casi sono circoscritte al periodo di ferragosto. Ma rimane imperativo garantire sempre e comunque i trattamenti indifferibili. “Da anni la carenza di organico induce a prendere provvedimenti anzitempo e a studiare un piano ad hoc” ci spiega il segretario regionale Anao Valtiero Fregonese, il quale sottolinea la necessità per l’immediato futuro di far scendere in campo anche i medici specializzandi come accadeva in passato. Una volta iscritti in scuola di specializzazione potevano lavorare in reparto. “Anche oggi lo potrebbero fare- continua Fregonese- magari seguiti da un tutor .

@2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306
La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978

Powered by Rubidia