Sciopero, si ferma il Friuli Venezia Giulia

A Pordenone stato di agitazione nella sanità per la chiusura del punto nascita di San Vito
Alberto Comisso
loading...

Mobilitazione generale dei lavoratori, questa mattina, a Pordenone, Trieste e Majano. Al centro della protesta la richiesta di un cambio di rotta nella manovra in discussione in Parlamento. Intanto a Pordenone proclamato lo stato di agitazione per la chiusura del punto nascita dell’ospedale di San Vito.

Un’adesione alta e «superiore alle aspettative» in molte delle principali aziende del Friuli Venezia Giulia. È il commento dei segretari regionali di Cgil e Uil dopo i primi dati sulla partecipazione allo sciopero generale di oggi, che ha interessato tutti i comparti del manifatturiero e del terziario, una settimana dopo lo stop degli uffici e dei servizi pubblici.

NELLE AZIENDE I primi dati arrivano dal manifatturiero e parlano del 50% di adesioni alla Snaidero, sede anche del presidio organizzato da Cgil e Uil della provincia di Udine, del 70% alla Calligaris, con conseguente fermo produttivo, del 60% alla Precasa, del 55% alle Giuliane 55%, tra il 30 e il 35% alla Fantoni e alla Gervasoni. Sempre in provincia di Udine altri dati arrivano dal comparto metalmeccanico, dove ha scioperato l’80% dei dipendenti alla Dl Radiators, alle prese con una delicata vertenza sugli esuberi, il 15,5% alla Kito chain, il 70% alla Modine e in Metinvest, il 60% nel gruppo Cividale, il 40% alla Marelli, il 30% alle Ferriere Nord e il 25 in Abs e in Freud. Nella chimica, sempre in provincia di Udine, le punte massime di adesione si registrano in Coats (100%), Elcrom (100%) e Serichim 80%, mentre Caffaro, Taghleef, halo e Servizi Italia hanno visto assenze comprese tra il 20 e il 25%.  Quanto all’industria agroalimentare, le percentuali di astensioni registrate nelle principali aziende (Birrificio San Giorgio, principe, Quality Food, Bouvard, Framon, Oleificio san Giorgio) sono comprese tra il 10 e il 20%. Di rilievo, nel settore carta, il 35% di adesioni alla Errebi e il 50% alla Pigna. Venendo alla distribuzione, le adesioni più alte a livello regionale si registrano in Coop Alleanza 3.0, dove ha scioperato il 25% dei dipendenti, per scendere al 20% nel gruppo Aspiag (Despar più appalti) e al 10% in Carrefour. In provincia di Pordenone l’adesione è stata pressoché totale nell’ambito delle linee produttive in Electrolux, Nidec e Safop, dove ha scioperato il 90-95% degli operai. Adesioni alte o altissime anche Brovedani (80%), Moro Kaiser (80%), Cimolai (75%) e Casagrande (45%). Passando a Trieste, non sorprende la partecipazione altissima (90%) tra i dipendenti Wartsila, in vista del tavolo ministeriale di giovedì prossimo, ma le adesioni sono alte (50%) anche in Ferriera. Da rimarcare la massiccia partecipazione dei dipendenti Rai (40%, saltati Buongiorno Regione e un Tg).

QUI CGIL «Le percentuali che ci arrivano dai nostri delegati – commenta il segretario generale della Cgil Fvg, Villiam Pezzetta – sono la conferma di quanto le motivazioni di questo sciopero toccassero temi profondamente sentiti dai lavoratori: il potere di acquisto dei loro salari, la battaglia per le pensioni di oggi e di domani, il sostegno ai rinnovi contrattuali, la difesa della sanità pubblica e del diritto alla salute. Questioni che la Finanziaria del Governo non affronta o affronta male, lasciando irrisolte o in certi casi aggravando le criticità. Da qui l’esigenza di proseguire con questa mobilitazione per cambiare la Finanziaria e le politiche di questo Governo, aprendo un confronto vero sui grandi temi al centro di una piattaforma che era stata presentata dall’intero sindacato confederale». Centrale, come dichiarato ieri da entrambi i segretari regionali e ribadito con forza nei presidi di oggi dai sindacati territoriali, il tema della difesa e del rilancio dell’industria, «tanto più in una regione a forte vocazione manifatturiera come il Friuli Venezia  Giulia», sottolinea Pezzetta.

QUI UIL Sui contenuti e sugli errori della Finanziaria si sono incentrati gli interventi degli esponenti nazionali del sindacato saliti in regione, i segretari generali di Uiltrasporti e Uiltemp, Claudio Tarlazzi e Lucia Grossi, che hanno parlato rispettivamente a Trieste e Majano. «Continueremo a batterci – dichiara il numero uno della Uil Fvg Matteo Zorn – per chiedere un cambiamento radicale di una manovra sbagliata e recessiva, che non dà risposte sul fronte dei salari, erosi dall’inflazione, del precariato che affligge i giovani, delle pensioni, dove il centrodestra prometteva riforme in meglio e invece peggiora la Fornero.  Chiediamo un altro modello di sviluppo e per questo la mobilitazione non si ferma qui: avremo avanti finché non avremo risposte concrete da questo Governo».

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia