Scontro tra mezzi pesanti in A4: un morto e un ferito

Problemi per il traffico. Non ci sono state conseguenze di coda per il Friuli Venezia Giulia
Redazione

Alle 8 circa, i vigili del fuoco sono intervenuti in autostrada A4 poco prima dell’uscita di San Stino di Livenza in direzione Trieste per un tamponamento tra mezzi più pesanti: un morto e un ferito. Le squadre dei pompieri arrivati da Motta di Livenza, Portogruaro, San Donà e con l’autogru da Treviso, hanno messo in sicurezza i mezzi ed estratto un autista, purtroppo dichiarato morto nonostante i soccorsi dal personale medico del suem 118.

Ferito e trasportato in ospedale un altro autista dai sanitari. Sul posto il personale dell’autostrada e la polizia stradale. Durante le operazioni di soccorso il traffico è rimasto bloccato. Le operazioni dei vigili del fuoco sono terminate dopo circa un’ora e quarto.

La dinamica è sempre la stessa: un mezzo pesante, in questo caso un’autocisterna che percorreva l’autostrada in direzione Venezia, ha tamponato violentemente un mezzo pesante quasi fermo (il traffico in quel momento era molto intenso e in quel punto fortemente rallentato). Questo secondo mezzo ne ha tamponato un terzo e il terzo ha tamponato il quarto.

L’autista dell’autocisterna, con targa croata, è deceduto sul colpo, mentre quello del secondo mezzo pesante coinvolto è rimasto ferito ma non è in pericolo di vita.Illesi gli altri due conducenti.

Il sinistro è avvenuto in quel tratto, tecnicamente definito “punto morto” fra l’uscita e l’entrata del casello, quindi è stata istituita immediatamente l’uscita obbligatoria a San Stino e da lì, che doveva proseguire poteva rientrare nuovamente in autostrada. Il traffico comunque resta molto sostenuto quindi il consiglio è di deviare lungo la A27 Mestre Belluno fino a Conegliano e poi la A28 per Conegliano Portogruaro.

Rallentamenti e code sono segnalate fra Latisana e Cessalto in direzione Venezia e tra San Donà e San Stino in direzione Trieste. Attualmente è ancora in corso la rimozione dei mezzi (ore 10). 

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia