Si sgonfia la maxi inchiesta del 2019 sugli appalti in Comune di Premariacco

Portò all'arresto e alle dimissioni del sindaco Roberto Trentin. Il Gup di Udine ha assolto oltre la metà dei 25 indagati
Hubert Londero
loading...

Maxi inchiesta sugli appalti a Premariacco, assolta oltre la metà dei 25 imputati. E’ quanto ha deciso oggi il gup di Udine Mariarosa Persico in merito all’indagine partita nel 2019 sulle diverse irregolarità rilevate in Comune dalle Fiamme gialle.

Entrando nei dettagli, 13 persone sono state assolte e per due è stato disposto il non doversi procedere. Altre sei sono sono state rinviate a giudizio. Sono tre, infine, i patteggiamenti, per un totale di 2 anni e 8 mesi di reclusione con la sospensione condizionale.

Tutto era cominciato nel 2019 da una segnalazione di un dipendente comunale. Nel 2020, l’allora sindaco Roberto Trentin fu arrestato assieme ad altre 5 persone, finendo agli arresti domiciliari. Trentin si dimise dalla carica dopo qualche giorno. Tre anni dopo, l’ex primo cittadino patteggiò un anno e 9 mesi di reclusione, pena sospesa.

Tra i reati contestati, c’erano turbativa d’asta, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, traffico di influenze illecite, peculato d’uso, truffa aggravata ai danni di un ente pubblico, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità in testamento olografo e omessa denuncia di reato da parte di un pubblico ufficiale.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia