G7 su sicurezza e intelligence a Udine

L'algoritmo anti-aggressioni già sperimentato con profitto sui recenti fatti di cronaca avvenuti a Udine. Convegno nel capoluogo friulano con i più importanti 'security manager' d’Italia.
Giancarlo Virgilio
loading...

G7 sulla sicurezza a Udine. Palazzo Garzolini di Toppo Wasserman ha ospitato un convegno di due giorni su ‘Intelligence e Sicurezza’, inserito all’interno del Master e Alta Formazione dell’Università degli studi di Udine. La conferenza ha affrontato diversi aspetti, ad iniziare dalle buone pratiche da applicare nelle imprese a garanzia dell’incolumità fisica dei dipendenti, della corretta gestione dei dati digitali e di come si possano prevenire eventuali rischi e criticità in una azienda.

L’evento è stato organizzato in collaborazione con NetPatrol, Karmasec, HtS e MD Systems e ha visto la partecipazione dei più importanti security manager presenti nel panorama nazionale e internazionale, come l’intervento dell’ex dirigente del Sismi e Eni, Umberto Saccone.

Il confronto è ruotato su come il garante per la sicurezza abbia assunto un ruolo sempre più fondamentale all’interno di una azienda e di una comunità. Un profilo che negli anni si è rivelato uno dei migliori investimenti da cui poter anche trarre profitto.

Venerdì 10 maggio, invece, l’incontro è ruotato attorno all’algoritmo anti-aggressioni allo studio nel Lab Village di Udine sotto la supervisione del professore Gian Luca Foresti del Dipartimento di Scienze Matematiche, Informatiche e Fisiche. Il sistema, su cui Uniud e MD Systems stanno conducendo una sperimentazione in ambito accademico, scandagliando le immagini fornite dai sistemi di videosorveglianza, è in grado di intercettare comportamenti potenzialmente pericolosi attraverso i movimenti del corpo e lancia allert in tempo reale, senza violare la privacy delle persone.

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia