Sicurezza privatizzata a Monfalcone, Cisint: «Solo un deterrente»

Il settore privato si unisce al pubblico. Così a Monfalcone nel settore pubblica sicurezza la Polizia Locale, assieme alle altre forze dell’ordine, è aiutata da alcune societ&agrav...
Ivan Bianchi
loading...

Il settore privato si unisce al pubblico. Così a Monfalcone nel settore pubblica sicurezza la Polizia Locale, assieme alle altre forze dell’ordine, è aiutata da alcune società private tra cui la Alexa di Gradisca d’Isonzo per la fascia oraria dalle 20 alle 22 e il Corpo Vigili Notturni di Udine dalle 22 alle 2.

Si è trattato per la polizia locale di 926 accertamenti, 106 violazioni del regolamento di polizia locale e 5 denunce a piede libero. 43 i veicoli sequestrati per non aver avuto la targa italiana ma straniera. Grande il numero di persone cancellate dagli appartamenti, ben 1123, a seguito di 290 controlli e 352 persone rinvenute in sovrannumero.

Tante le segnalazioni delle ronde che segnalano i casi alle forze dell’ordine. C’è chi lo vede come un primo passo verso la privatizzazione della sicurezza ma l’amministrazione nega. “Solo un deterrente”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia