Home / News / Ciriani: «Pordenone quasi da zona bianca, Governo valuti aperture territoriali»

Ciriani: «Pordenone quasi da zona bianca, Governo valuti aperture territoriali»

Il sindaco di Pordenone commenta i dati e le misure restrittive. «Non si possono rinchiudere gli oltre 300 mila abitanti basandosi sulla media regionale»

«Alla luce del fatto che Pordenone e il suo territorio sono zona gialla, tendenzialmente bianca, bisogna riaprire progressivamente, dalle scuole alle attività commerciali, ovviamente con cautela, controlli aumentati e un serio monitoraggio. Mi auguro che il Governo valuti aperture su base territoriale e non solo regionale. Chiudere un territorio di più di 300 mila persone della provincia pordenonese – oltre il doppio degli abitanti della Valle d’Aosta - perché si segue il criterio della media regionale ci sembra francamente assurdo. Significa rinchiudere in modo ingiustificato cittadini che fino ad oggi sono stati rispettosi delle regole e condannare a ulteriori perdite attività economiche che potrebbero riaprire».

Parola del sindaco di Pordenone, Alessandro Ciriani, che fonda il suo ragionamento sui dati. «Da diverso tempo i numeri dimostrano che sul territorio pordenonese la pandemia ha allentato la presa. Come sottolineato anche dal governatore Fedriga è tempo di cambiare approccio e passare dai divieti alle regole, dai protocolli di chiusura a quelli di progressiva apertura, senza superficialità, ma anzi, lo ripeto, con tutte le cautele, le prudenze e i controlli necessari».

«Occorre capire – continua - che si può riprendere la vita progressivamente seguendo quelle norme e prescrizioni che i nostri cittadini seguono da un anno. Anche perché pure i costi economici e sociali devono essere messi sul piatto della bilancia, soprattutto per certe categorie, poichè sono ormai insostenibili e non c’è ristoro che possa compensare le perdite delle attività chiuse o riaperte a singhiozzo».

Ma per Ciriani c’è anche un altro aspetto: «La gente non ce la fa più a rispettare le regole delle zone rosse, che rischiano d’essere rosse d’ipocrisia perché, solo per fare qualche esempio, l’estetista o il parrucchiere che non possono aprire andranno nelle case, e questo vale per tante altre categorie».

«Spero che queste proposte di buon senso non scandalizzino i “chiusuristi” a oltranza. Bisogna intensificare le vaccinazioni, non chiudere i territori. Peraltro chi aveva speculato sulla situazione del covid a Pordenone è ora, per fortuna, smentito».

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori