Sospensione legittima per tre militari no-vax

A ribadirlo è stato il Tar del Friuli Venezia Giulia che ha respinto il ricorso dei di un carabiniere e di sue soldati
Hubert Londero
Vaccino covid ago vaccinazione

La sospensione dal servizio e della retribuzione per non essersi vaccinati contro il covid era legittima. Lo ha ribadito il Tar del Friuli Venezia Giulia, respingendo i ricorsi di tre militari, un brigadiere del Comando Legione Carabinieri Friuli Venezia Giulia, un tenente colonnello della Brigata Alpina Julia e un caporale maggiore dell’8° reggimento Alpini di Venzone. Solo in quest’ultimo caso, il giudice amministrativo ha dato in parte ragione al ricorrente. Oltre alla sospensione dal lavoro e della retribuzione, per il caporale era stata decretata anche la detrazione dell’anzianità di grado, annullata dal Tar perché non prevista dalla normativa. Infine, Il Tar del Friuli Venezia Giulia ha annullato il provvedimento di non idoneità all’avanzamento ad anzianità al grado di Maresciallo Ordinario a carico di un finanziere emesso dalla Commissione Permanente di Avanzamento delle Fiamme gialle. Lo stop alla carriera era stato deciso per due sanzioni disciplinari e il militare aveva fatto ricorso. Secondo i giudici, la prima sanzione era stata annullata dallo stesso Tar, la seconda riguardava fatti per i quali il finanziere era stato assolto dal Tribunale di Trieste. 

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia