Spruzza lo spray al peperoncino nel bus: l’autore è un 18enne

Una bravata per la quale alcuni passeggeri sono finiti all'ospedale
Alberto Comisso
loading...

Chi ieri sera a Pordenone ha spruzzato lo spray al peperoncino all’interno di un autobus dell’Atap, costringendo l’autista a fermare il mezzo e a chiamare i soccorsi, è stato individuato dai carabinieri: si tratta di un neo diciottenne marocchino. Una bravata che gli è costata la denuncia per interruzione di pubblico servizio.

E’ stato denunciato per interruzione di pubblico servizio il 18enne marocchino che ieri sera, nel tentativo di compiere una bravata, ha spruzzato dello spray al peperoncino all’interno di un pullman dell’Atap.

Nel mezzo, che da Pordenone era diretto a Portogruaro, c’erano 25 persone. Lavoratori ma anche studenti.

E’ in via Mestre che l’autista ha fermato il pullman, attivando immediatamente le procedure di sicurezza. 

I tanti colpi di tosse dei passeggeri, con qualcuno che addirittura faceva fatica a respirare, facevano presagire che qualcuno aveva – forse senza rendersi conto delle conseguenze – spruzzato dello spray urticante.

Sul posto sono giunti i mezzi di soccorso: ambulanza, automedica e vigili del fuoco. Poi sono arrivati i carabinieri del Radiomobile di Pordenone.

I militari, dopo aver ascoltato un testimone, hanno individuato il presunto responsabile: un neo diciottenne nordafricano che, dopo essersi accorto della bravata, ha cercato di nascondere la bomboletta nello zaino. Salvo poi gettarla a terra, dopo che l’autista ha aperto le porte dell’autobus per arieggiare il mezzo e permettere ai passeggeri di scendere.

La bomboletta è stata sequestrata. 

Alcuni passeggeri sono stati accompagnati al pronto soccorso dell’ospedale di Pordenone ma per nessuno è stato disposto il ricovero. Altri, invece, hanno preferito salire su un altro bus che nel frattempo era arrivato in via Mestre.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia