Tariffe troppo elevate, Alitalia spiega il mancato collegamento con Trieste

Le motivazioni della compagnia di bandiera parlano di condizioni economiche fuori mercato
Redazione

“Tariffe ispiegabilmente elevate, anche superiori ad oltre il 100% delle condizioni offerte alla concorrenza straniera”. E’ questo il motivo che ha spinto Alitalia a non riattivare al momento nessun volo per Ronchi dei Legionari. La compagnia di bandiera considera il prezzo ingiusto, troppo alto e fuori mercato. Per queste ragioni, dopo l’ennesima nota stampa uscita in merito, l’azienda ha deciso di rendere pubbliche con un comunicato le vere criticità che si celano dietro ai mancati collegamenti con il Trieste Airport. 

“La compagnia -spiega Alitalia in una nota- ha trasmesso ai vertici degli organi di controllo “evidenze circa la discriminazione economica con la quale viene approcciata, atteggiamento imperante da parte della maggioranza degli aeroporti italiani. Come è ovvio l’efficientamento di Alitalia richiede anche di porre fine all’asimmetria competitiva esistente con le compagnie straniere che ricevono un servizio del tutto analogo”.“Alitalia – conclude la nota – conferma infine che il ripristino in corso dei collegamenti aerei è condizionato esclusivamente dalla velocità di risalita della domanda impattata dalla pandemia Covid-19 e, per l’appunto, dall’ottenimento dagli aeroporti di condizioni economiche per il riavvio dei voli in linea con quelle offerte alle altre compagnie aeree”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306 La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia