Terremoto di Zagabria: grave un ragazzo di 15 anni

Un giovane di 15 anni è la prima vittima del terremoto di magnitudo 5.6 ± 0.3 registrata alle 5:24:02 avvenuto questa mattina in Croazia. La notizia del decesso è stata confermata...
Redazione

Un giovane di 15 anni è rimasto seriamente ferito dal terremoto di magnitudo 5.6 ± 0.3 registrato alle 5:24:02 avvenuto questa mattina in Croazia. A trovare il giovane sotto le macerie sono state le prime squadre di sanitari attivate subito dopo i primi crolli che hanno segnato la capitale. Il ragazzo, gravemente ferito, è stato trasportato alla clinica per le malattie pediatriche di Klaićeva. A lottare per la vita anche un altro bambino.

I danni maggiori li ha riportati la zona più vecchia della città, insieme alle strade di Nikolic Gajev e Djordjic Street. Macerie sono cadute anche dalla torre sud della Cattedrale di Zagabria. (Foto dal sito www.jutarnjii.hr)

Diverse squadre di esperti sono già sul campo la valutazione dei danni agli edifici. A loro si affiancano le squadre di operai e volontari che si stanno occupando della pulizia delle strade e della rimozione degli inerti caduti sull’asfalto o sui veicoli in sosta a lato delle strade. Nel frattempo l’Ufficio per la gestione delle emergenze della città di Zagabria ha invitato i cittadini a non entrare negli edifici danneggiati, a spostarsi solo se necessario, a indossare indumenti caldi, portando con sé documenti, denaro e medicine, cibo e acqua. L’ufficio per la gestione delle emergenze ha definito le aree per l’accoglienza, l’evacuazione dei cittadini e la circolazione dei servizi di protezione prioritaria e di salvataggio in caso di terremoto. Non si segnalano danni nella vicina centrale slovena di Krško.

Come comunicato dall’assessore Riccardo Riccardi, la Protezione civile della Regione ha già contattato Angelo Borrelli per eventuali necessità.

Fedriga: vicinanza alla Croazia

Il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga esprime la sua vicinanza al popolo croato a seguito delle due scosse di terremoto che si sono verificate oggi a Zagabria. “Il sisma che ha colpito la Croazia – sottolinea Fedriga – aggiunge una calamità alla già difficile situazione conseguente alla pandemia del coronavirus, segnando una nuova dura prova per la popolazione. Nella speranza che l’impatto del terremoto si riveli il più contenuto possibile, il governo di Zagabria sappia fin da subito di poter contare sulla nostra più profonda e sincera amicizia e sul supporto che potremo fornire con le specifiche competenze maturate nella gestione di eventi di tale portata”.

Il commento di OGS all’evento tellurico

Stefano Parolai, direttore del Centro Ricerche Sismologiche Ogs, ha fatto il punto sul terremoto che ha colpito oggi Zagabria: “Il terremoto che ha colpito questa mattina la città di Zagabria è avvenuto in un’area che è già stata interessata da terremoti nel passato e di cui conosciamo la sismicità storica. Tra i vari terremoti ricordiamo infatti quello del 1880 di magnitudo stimata intorno a 6.3. Ci aspettiamo che nelle prossime ore, settimane e forse anche per un periodo più lungo, ci possano essere degli eventi successivi (che i sismologi definiscono aftershock) – già al momento risultano altri 6 eventi con magnitudo compresa tra 3 e 5. Dalle informazioni che abbiamo, anche grazie ai volontari della Protezione Civile della Regione Autonoma FVG, con la quale OGS ha una collaborazione molto stretta, risulta che l’evento sia stato risentito anche in diverse aree della nostra Regione, maggiormente da persone che vivono ai piani più alti degli edifici o in zone in cui l’effetto dell’evento può essere amplificato dal tipo di geologia superficiale”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia