Terziario Fvg: frenano consumi e fiducia, ma l’occupazione tiene

Confcommercio regionale: «Il turismo continua a fare da traino». Indagine Osservatorio Fvg-Format Research sul primo trimestre 2024
Daniele Micheluz
loading...

Il terziario del Friuli Venezia Giulia si aggrappa al turismo, che continua ad essere il comparto trainante anche nel primo trimestre dell’anno. Tuttavia il sentiment delle imprese regionali verso l’andamento dell’economia italiana e la propria attività è in lieve peggioramento, ma è comunque migliore rispetto al dato nazionale. Tiene invece l’occupazione, mentre criticità si riscontrano nella domanda e nell’offerta di credito. È quanto emerge dall’Osservatorio sul primo trimestre 2024 curato per Confcommercio Fvg da Format Research. Quanto alla congiuntura economica nel primo trimestre del 2024 si registra una lieve flessione dei ricavi delle imprese Migliora la situazione dei prezzi praticati dai fornitori, ma la criticità continuerà a caratterizzare l’intero primo semestre.

La ricerca rileva in generale una minore esposizione del terziario Fvg all’aumento dei prezzi rispetto al dato medio nazionale. Stabile la capacità di fare fronte al proprio fabbisogno finanziario: le aspettative a tre mesi fanno registrare un miglioramento dell’indicatore che al 30 giugno si rivelerà più performante rispetto al dato medio nazionale. “Si tratta di un momento di incertezza che riguarda soprattutto il commercio – è il commento del presidente regionale di Confcommercio Gianluca Madriz, c –. Confcommercio, tuttavia, risponde con un impegno costante di supporto alle imprese, anche sfruttando le opportunità del Bando Borghi Pnrr. Sul fronte turistico, invece, non ci sono rallentamenti”.

Diminuisce intanto la quota di imprese del terziario Fvg che hanno chiesto credito nel quarto trimestre 2023 e parallelamente aumentano le aziende che faticano a ricevere il credito del quale hanno bisogno da parte del sistema bancario. Il 58,7% delle imprese ha fatto richiesta di credito per esigenze di liquidità e cassa ed il 5,5% per la ristrutturazione del debito. Il 35,8% del terziario regionale, infine, ha chiesto credito per effettuare investimenti: il trimestre precedente la percentuale era stata pari al 34,8%.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia