Tigli, problemi di ordine pubblico: la fiaccolata cambia percorso

Alberto Comisso
loading...

A Pordenone sale la tensione. Sui 47 tigli da abbattere, nell’ambito del progetto di riqualificazione dell’ex fiera, continua la guerra a distanza tra i comitati, che per domani dalle 18.30 hanno organizzato una fiaccolata, e il Comune.

Gli alberi, a meno di una sospensiva dal Consiglio di Stato, potrebbero già essere tagliati la settimana prossima. E mentre il sindaco Ciriani ha chiuso qualsiasi possibilità di conciliazione con i comitati, che attraverso l’avvocato Dini chiedevano di effettuare una perizia sui tigli per stabilirne l’età, domani la fiaccolata, per ragioni di ordine pubblico, non partirà più da piazzetta Calderari ma da piazza XX Settembre.

Una scelta, stabilita nel corso del Comitato per l’ordine e la sicurezza, che ha fatto infuriare gli organizzatori. Una decisione antidemocratica – sbotta Luigina Perosa – e incomprensibile: non abbiamo mai dato alcun tipo di problema e, anzi, qualcuno dovrebbe ringraziarci per l’opera di mediazione che abbiamo svolto”.

Perosa non ha escluso azioni forti qualora, nei prossimi giorni, i tigli dovessero essere abbattuti. Secco l’avvertimento del prefetto.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia