Tragedia nel Natisone: ecco cos’è successo nel cielo del Friuli venerdì scorso

Ricostruiti gli orari di decollo degli elicotteri che sono intervenuti per cercare i tre giovani
Andrea Pierini
loading...

Il primo elicottero, Drago 149 dei Vigili del Fuoco, è decollato da Venezia alle 14.03, mentre come ha confermato il procuratore di Udine, Massimo Lia, la prima telefonata di soccorso è partita dal cellulare di una delle vittime alle 13.29 e 57 secondi. Il secondo elicottero, quello dell’elisoccorso regionale considerato però con funzioni sanitarie e con base a Campoformido è invece decollato alle 14.07 in seguito a una nuova telefonata in cui si parla di giovani che stanno annegando. Il servizio regionale può contare su due apparecchi nella fase della tragedia entrambi a terra. Tutti e due i velivoli sono dotati di verricello, uno solo ha un equipaggio completo con personale sanitario, verricellista e il tecnico di elisoccorso del soccorso alpino a bordo. Il secondo mezzo può volare senza personale sanitario e recupera il tecnico anche dopo il decollo. L’elisoccorso è il primo ad arrivare sul luogo della tragedia alle 14.14, gli orari che vedete nel video registrato da FlightRadar sono UTC e quindi sul fuso orario di Greenwich a cui va aggiunta l’ora legale. Drago 149 arriva sul fiume Natisone alle 14.28 quando l’elisoccorso ha già effettuato una prima perlustrazione del fiume senza risultato. La legge italiana è molto chiara sulle competenze che per questo tipo di intervento sono dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile e non del soccorso alpino che invece è competente per le zone impervie. L’elisoccorso regionale viene richiamato alla base alle 14.44. Drago 149 resta invece operativo per la ricerca fino alle 15.33 quando fa rientro al Trieste Airport. 

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia