Home / News / Travolto dal muletto, muore appena assunto

Travolto dal muletto, muore appena assunto

Infortunio mortale sul lavoro nel pomeriggio all’interporto di Pordenone. Un operaio di 31 anni ha perso la vita dopo essere stato travolto da un muletto, durante la movimentazione di alcune mercito

Una manovra sbagliata all’interno dell’azienda e due muletti si sono scontrati, mentre erano in funzione. Su uno di questi c’era Lare Bagna, un operaio originario del Togo, 31 anni, che nell’impatto è finito a terra venendo schiacciato dallo stesso macchinario e perdendo al vita. Il tragico fatto è accaduto oggi pomeriggio alla Pezzutti Group, azienda insediata all’Interporto di Pordenone che si occupa di lavorazioni plastiche. Immediato l’allarme e l’arrivo dei sanitari con un’ambulanza e l’elicottero, i quali hanno provato a rianimare subito il 31enne, ma senza esito. Il giovane era stato assunto con un contratto interinale e lavorava alla Pezzutti da un paio di giorni.

Sul posto è arrivata la Polizia che ha effettuato i primi rilievi per verificare la dinamica e accertare eventuali responsabilità. Per ricostruire l’accaduto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e i carabinieri di Pordenone oltre agli ispettori del lavoro dell’azienda sanitaria, che procederanno con le indagini ascoltando anche i testimoni presenti e la proprietà. Spetterà a loro cercare di capire come sia stato possibile che i due muletti abbiano potuto scontrarsi, portando alla morte del giovane togolese che viveva a Pordenone, dove lascia una moglie e due figli.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati

News

Contro l'invasione di migranti, irruzione di CasaPound in Consiglio regionale: IL VIDEO

Dopo i finti cartelloni stradali affissi ieri alle porte di diversi paesi, i militanti della tartaruga frecciata sono entrati in aula muniti di bandiere tricolori e megafono: "Questo è il frutto della vostra inettitudine"

TOP 5

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori