Home / News / Con il trend di 10 ricoverati al giorno, Fvg in zona arancione a metà dicembre

Con il trend di 10 ricoverati al giorno, Fvg in zona arancione a metà dicembre

Rispetto a un anno fa, grazie al vaccino, casi sono diminuiti del 30% nonostante i tamponi siano triplicati. I ricoverati sono diminuiti del 50% e i decessi addirittura del 70%

Salgono i contagi in Friuli Venezia Giulia ma preoccupano ancora di più le incidenze dei ricoverati in terapia intensiva e in area Covid. Registrate altri 660 nuovi casi su quasi 26 mila tamponi. La percentuale di positività sui dispositivi molecolari si attesta sul 7%. Salgono i pazienti in terapia intensiva che sono 26 mentre quelli in altri reparti fanno un ulteriore balzo in avanti sfondando quota 200 e arrivando a 206. 4 i decessi.

Con questi numeri il Friuli Venezia Giulia entrerà in zona gialla automaticamente da lunedì 29 novembre. Ma già si guarda alla zona arancione. Con questo trend, con 10 ricoverati al giorno, la regione si troverebbe in arancione a metà dicembre. Il chè vorrebbe dire in base al decreto in essere palestre, piscine, teatri e cinema chiusi e il ritorno del coprifuoco dalle 22 alle 5. Per questo motivo il governatore Fedriga chiede che questa penalizzazione non venga pagato dai cittadini e a ricaduta dalle aziende. Chiede anche più controlli al confine dove Austria – che da lunedì per 10 giorni sarà in lockdown – Slovenia e Craozia sono al collasso. Il governo dal canto suo starebbe valutando diverse soluzioni: il supergreen pass con limitazione per i non vaccinati in caso di passaggio delle Regioni già dalla fascia gialla, un anticipo dei richiami a 5 mesi e una riduzione della validità dello stesso certificato verde da 12 a 9 mesi. Nel frattempo la terza dose ha registrato proprio in Friuli Venezia Giulia un'impennata passando dalle 14 mila della scorsa settimana alle 15.734 negli ultimi sette giorni.

Eppure nonostante gli allarmismi la situazione rispetto a un anno fa è nettamente migliorata. Il 20 novembre di un anno la Regione era in zona arancione e stava valutando eventuali zone rosse. I contagi avevano sfondato quota 1000 e quel che è peggio gli ospedalizzati erano oltre 500 e si contavano in un solo giorno 28 decessi. Oggi i ricoverati sono la metà e le morti sono diminuiti addirittura del 70%. In un anno, colori a parte, c'è un arma in più e si chiama vaccino.

Vuoi essere sempre aggiornato su tutte le news in tempo reale? Seguici anche sul nostro canale Telegram o sulla nostra pagina Facebook.
Per seguire le dirette di Telefriuli, clicca il tasto LIVE in alto oppure sintonizza il tuo televisore sul canale 11 e 511 HD del digitale terrestre.

Articoli correlati
Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori