Udine: i Legionari di D’Annunzio ‘assediano’ Palazzo d’Aronco

Nuova azione di protesta da parte dei militanti di Casapound che inneggiano alla disobbedienza contro le disposizioni anti Covid
Giancarlo Virgilio

Un cartonato di Gabriele D’Annunzio a grandezza naturale è stato affisso nella notte ai piedi di Palazzo d’Aronco, a pochi metri dall’ingresso del Comune di Udine. “Natale di Sangue – Fiume, 1920. Disobbedisco! Io non sono rimasto a casa”. Questa la scritta posta alla base dell’installazione dai militanti di CasaPound, in chiaro segno di protesta e di autodenuncia contro le disposizioni anti Coronavirus adottate dal Governo. L’azione è stata replicata dai militanti della tartaruga frecciata in decine di piazze italiane, in ‘omaggio’ ai cento anni dal Natale di Sangue che segnò l’Impresa di Fiume. 

Nella nota, il Movimento spiega che “cento anni fa i legionari ci ricordavano ancora una volta, proseguendo l’esempio dei “ragazzi del ‘99”, che ci sono principi più alti e più importanti della vita, che la vita stessa può e deve essere messa in gioco per difendere la propria Nazione, per il proprio popolo, per incarnare e rendere viva un’Idea. Ci ricordavano che l’azione e l’esempio hanno sempre ragione, perché la loro azione corsara, anche se finita nel sangue, avrebbe comunque mosso i motori della storia per ridare all’Italia ciò che si era meritata dopo sessanta anni di lotte risorgimentali. Cento anni fa, di fronte a un governo pusillanime che ordinava loro di rimanere a casa e di accettare la sconfitta, di subire passivamente i soprusi e di rinunciare a qualunque afflato eroico risposero: Disobbedisco!”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia