Under15, girone A: Magnano-Tricesimo in 7 vs 11. Rinvio negato

Respinta la richiesta del Magnano, dimezzato dalle numerose assenze per motivi di salute.
Redazione
Calcio pallone

Una partita di calcio in 7 contro 11. Non è una nuova challenge sui social, ma è quello che si è visto (anzi non visto) stamattina sul campo di Magnano in Riviera durante la gara Magnano – Tricesimo (campionato U15 Provinciale girone A). La partita peraltro è durata solo pochi secondi, dato che tra i 7 calciatori del Magnano c’era chi non stava bene ed ha chiesto subito di uscire dal campo. Già durante i giorni precedenti, man mano che le defezioni aumentavano, il Magnano aveva proposto il rinvio della gara; proposta però non accettata da parte del Tricesimo e gara che dunque restava in programma come previsto.

Un tentativo di mediazione è stato fatto anche dal Comitato Regionale LND, che il Magnano ringrazia per il proprio intervento, ma la posizione del Tricesimo riguardo alla gara non è cambiata. Non è stato nemmeno possibile inserire in organico i giovani calciatori della formazione U14 (ridotta a 13 elementi considerando anche i ragazzi appena rientrati da un evento fuori regione), in quanto impegnati in un’altra gara con una terza società anch’essa indisponibile a rinviare la partita.

“Non siamo arrabbiati, ma sicuramente delusi e amareggiati perché la situazione che si è venuta a creare oggi ha negato ai ragazzi di entrambe le squadre la possibilità di confrontarsi in maniera serena ed adeguata. Le responsabilità possono essere date o all’influenza o al rifiuto di rinviare la gara. Ognuno faccia le proprie valutazioni” fà sapere Daniele Bellinvia, Dirigente del Magnano, che continua “rifiutarsi di rinviare una gara è un proprio diritto, lo sappiamo bene, ma lo è anche e soprattutto la salute, con la quale nessuno può permettersi di giocare”.

In un comunicato, “L’ ASD Magnano ritiene doveroso sottolineare ancora una volta che, a proprio avviso, non si intravede alcuna violazione delle norme, sebbene il dovuto buon senso avrebbe evitato il crearsi di una situazione inopportuna, soprattutto in un contesto di calcio giovanile”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia