Violento scoppio in Municipio: assaltato sportello bancomat, colpo da 45mila euro

Doppio colpo messo a segno a Pravisdomini e a Sgonico da parte di un commando che utilizza l'esplosivo con la "marmotta". Ingenti i danni. Sul posto Polizia di Stato e Carabinieri
Paola Treppo

Doppio assalto dei malviventi nel cuore della notte a Pravisdomini e a Sgonico. Il commando (pare un gruppo di 4 persone con il volto travisato) ha agito intorno alle 2.30 di oggi, sabato 24 aprile 2021, dopo aver preso di mira la banca Zkb di Sgonico (lo sportello si trova nello stesso stabile del Palazzo del Municipio).

La violentissima deflagrazione ha svegliato molte famiglie che vivono vicino all’istituto di credito.

L’esplosione ha causato notevoli danni: non solo al distributore automatico di banconote ma anche alle vetrate e a parte della muratura.

Dopo l’allarme sul posto sono intervenuti immediatamente gli artificieri della Polizia di Stato della Questura di Trieste e il personale della Squadra Volanti, per tutti i rilievi e per un primo sopralluogo. Sul posto anche il sindaco del paese.

Con ogni probabilità alla stessa banda a poi ha agito anche a Pravisdomini, intorno alle 3.30, e a finire nel mirino, in quel caso, è stata la Bcc Pordenonese di via Roma. Anche qui, come a Sgonico, è stata usata una marmotta che ha fatto deflagrare il bancomat.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Pordenone, la vigilanza privata della Mondialpol, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di San Vito al Tagliamento.

Nella banca di Pravisdomini, un edificio su due piani in muratura, la violenta deflagrazione ha causato danni al controsoffitto, a una finestra esterna e alla porta di ingresso del vano che conduce allo sportello automatico (installato in una stanza).

Per fuggire senza essere inseguiti, a Sgonico i malviventi hanno anche disseminato parte di una strada di sassi tolti da un muretto carsico a secco e distribuiti ad arte sulla carreggiata per impedire un agevole passaggio dei mezzi di polizia.

In corso di quantificazione i danni (45mila euro il contante rubato). La banda è fuggita. Sulle sue tracce ci sono i Carabinieri e gli agenti della Polizia di Stato.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia