Dopo le violenze, più forze dell’ordine a Tolmezzo

La risposta del prefetto di Udine non si è fatta attendere
Alberto Comisso
loading...

Linea dura del prefetto di Udine, Domenico Lione, dopo gli episodi di violenza che si sono verificati nei giorni scorsi a Tolmezzo. Mentre i responsabili delle risse sono in fase di identificazione e segnalazione alla Procura, Lione ha assicurato che la risposta delle forze dell’ordine, in particolar modo nella zona della stazione della corriere, non si farà attendere.

Del resto a Tolmezzo la pace è finita dopo che di recente, a Cavazzo Carnico, sono arrivati alcuni minori stranieri non accompagnati – soprattutto egiziani – ospiti nell’ex albergo Olivo. E’ proprio qui che ieri sera polizia locale e polizia di stato, in una perquisizione, hanno trovato in una stanza un coltellino, un bastone e un tirapugni. Materiale che, sequestrato, apparteneva ad uno dei partecipanti alla rissa di mercoledì sera.

Mercoledì pomeriggio, appunto, la goccia che ha fatto traboccare il vaso quando un gruppetto di giovani egiziani è arrivato alla stazione delle corriere di Tolmezzo e ha attaccato briga con altri ragazzini del posto. L’arrivo dei carabinieri ha evitato il peggio.

Ieri sera, sempre all’autostazione, il presidio delle forze dell’ordine ha scongiurato che si potesse ripetere la stessa scena del giorno prima. A darsi appuntamento un gruppetto di nordafricani arrivato in pullman da Udine. Un regolamento di conti, con tanto di invito a partecipare postato sui social network.

Presente giovedì sera anche il sindaco Vicentini, che ha sgomberato il campo da ogni dubbio: “Siamo una comunità accogliente e continueremo ad esserlo ma certi episodi sono a dir poco spiacevoli. Mi auguro che, quanto prima, la situazione possa tornare alla normalità”.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia