Fornì consulenza finanziaria senza l’autorizzazione Consob, condannato 

Fornì consulenze finanziarie senza l'autorizzazione della Consob: il Tribunale di Udine ha condannato un professionista udinese a un anno di reclusione.
Hubert Londero
loading...

Condannato per abusivismo finanziario, ma assolto dall’accusa di truffa. Si è conclusa così in primo grado al Tribunale di Udine la vicenda giudiziaria di Stefano Asquini, architetto udinese di 56 anni. Il giudice Paolo Lauteri gli ha inflitto un anno di reclusione, pena sospesa, e 4mila euro di multa.

Asquini, rappresentante legale della Iride S Marketing di Udine dal settembre 2017 al marzo 2018, era accusato di aver fornito in concorso con il socio di maggioranza consulenza finanziaria e servizi di investimento, anche in criptovalute, senza l’autorizzazione della Consob. La stessa Consob, nell’ottobre 2018, inibì la società udinese a svolgere tali servizi. Secondo l’altro capo d’imputazione, si sarebbe impossessato di 45mila euro affidati alla spa da un friulano nel dicembre 2018. Per questo reato Asquini è stato assolto.

Nell’arringa, il difensore, l’avvocato Francesco Gagliardi di Gubbio, ha sottolineato come il professionista fosse uscito da Iride S Marketing diversi mesi prima che la Consob sanzionasse la società. Scontato il ricorso in appello.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia