Omicidio Toffoli: il pm chiede l’ergastolo per Paglialonga

L’imputato non era presente in Tribunale a Udine. Nel pomeriggio l’arringa della difesa
Hubert Londero
loading...

Ergastolo con isolamento diurno per 18 mesi. É la pena chiesta stamani dal Pm Claudia Finocchiaro per Vincenzo Paglialonga, accusato dell’omicidio di Lauretta Toffoli, la 74enne sua vicina di casa uccisa nel proprio appartamento di via della Valle a Udine la notte del 7 maggio dello scorso anno. Richieste le aggravanti della rapina e della crudeltà.

Davanti alla Corte d’Assise di Udine, il pubblico ministero ha ricostruito quanto accaduto quella tragica notte. Una sorta di pellicola cinematografica fatta di immagini della videosorveglianza, testimonianze di vicini e poliziotti, tabulati telefonici e analisi scientifiche. Scene che mostrano Paglialonga bussare alla porta della vittima che lo fa entrare, la discussione tra i due per la sottrazione di alcuni oggetti nei mesi precedenti, le grida di aiuto di Lauretta all’1.30 del mattino, le 38 coltellate inferte alla donna in un paio di minuti tra l’ingresso e la cucina, la morte di Lauretta. Poi, il rientro di Paglialonga in casa e la corsa per nascondere le tracce del delitto dai suoi vestiti, appena in tempo prima del controllo della polizia, il secondo quella notte, allertata dalla rottura del braccialetto elettronico con il quale era stato messo agli arresti domiciliari. Infine, scampato il pericolo, il lavaggio dei vestiti, tranne un paio di calzini intrisi del sangue della donna, lo spostamento del corpo in camera da letto, la pulizia del luogo del delitto e il furto dei beni della vittima, trovati in casa di Paglialonga. A chiudere il cerchio le chiavi dell’appartamento della 74enne trovate in suo possesso e il DNA di vittima e accusato sull’arma del delitto trovato nella cucina dell’imputato. Per il Pm infine quella notte lui era pienamente capace di intendere e volere. Nel pomeriggio sarà il turno degli avvocati di Paglialonga, Piergiorgio Bertoli e Carlotta Roiatti, per l’arringa.

Potrebbe interessarti anche

©2022 TELEFRIULI. Tutti i diritti riservati | P. IVA 01313840306. La testata Telefriuli è registrata al Tribunale di Udine, n° 414/78 il 21.02.1978
Powered by Rubidia